Una seconda lasagna per l’MTC 42.
Ho pensato che in fin dei conti una novità ci poteva stare e visto il periodo, sono uscita dalla classicità familiare per provare queste lasagne con la sfoglia fatta con farina di castagna.
Da piccola abitavo dai nonni al confine tra la Liguria e la Toscana, a La Spezia che è in Liguria ma mi sono sempre sentita più Toscana che ligure. Preparavano i “testi”, una specie di crepe cotta tra due piastre di ferro. Cosi li chiamavamo e a casa erano preparati spesso con crescenza o ricotta, con l’aggiunta di pinoli e rosmarino.

Ed è a quei sapori che mi sono richiamata per preparare questa versione di lasagne.

Sulla spianatoia mettete a fontana la farina di castagne unita alla farina 00, mescolate insieme. Al centro un uovo e un pizzico di sale. Se l’impasto risultasse troppo compatto aggiungete un po’ d’acqua, usando come dosatore il mezzo guscio d’uovo. Lasciate riposare.
Sul fuoco mettete il burro e la farina per preparare la besciamella. Il burro sciolto a fuoco lento incorpora mano a mano la farina, che intanto si tosta. Quando inizia a staccarsi delle pareti del tegame aggiungete il latte a temperatura ambiente, poco alla volta continuando a mescolare. Quando inizia il bollore aggiungete la crescenza, e mescolate fino a che si amalgama. Regolate di sale e aggiungete il rosmarino tritato fine.

Riprendete l’impasto e stendetelo sulla spianatoia e tirate la sfoglia fino ad un millimetro circa di spessore. Tagliate dei rettangoli, possibilmente tutti uguali.

Nel frattempo mettete una pentola d’acqua al fuoco a bollire, salatela quando prende il bollore e mettete a cuocere i rettangoli di pasta.
Lasciateli cuocere un paio di minuti dopo che sono venuti a galla, perché la pasta è spessa e ha bisogno di tempo per la cottura. Scolateli uno ad uno e immergeteli in acqua fredda per fermare la cottura. Toglieteli poi dall’acqua e metteteli su uno strofinaccio pulito per asciugare l’eccesso di acqua.

Per assemblare il piatto in ciotole da forno mettete un cucchiaio di besciamella alla crescenza e rosmarino poi alternate gli strati di pasta e besciamella, inserendo delle mandorle tostate, tritate tra gli strati. Finire con la besciamella su cui spargete una cucchiaiata di parmigiano grattato.

Infornate le pirofile in forno caldo a 180° per 35/40 minuti.

 

Ingredienti per 4
Per la sfoglia
200 g farina di castagne
100 g. farina 00
1 uovo
qb.sale

Per la besciamella aromatizzata alla crescenza e rosmarino
Rosmarino fresco tritato
250 g. crescenza
50 g. mandorle pelle, tostate, tritate
50 g. burro
50 g. farina
1/2 l. latte
qb sale

Per finire una manciata di parmigiano grattato.

Altri suggerimenti

Cucino Io


8 Responses to "Lasagne di farina di castagne con salsa alla crescenza e rosmarino"

  • Anche io abitavo a La Spezia, anche io mi sento spesso più toscana che ligure ed anch’io amavo molto i “testi” e amo tutt’ora testaroli e panigacci… i sapori che descrivi mi sono familiari e un bel tuffo indietro nel tempo è stato un bel regalo stamani…. Grazie Antonella!
    Dani

  • Uno spettacolo di sapori e colori! Mi piacciono gli ingredienti che hai usato, ne sento il profumo!! Bravissima Anto!

  • Io abito in Toscana…ma a pochissimi km da La Spezia anche se sono Romana de Roma. 🙂
    La tua lasagna mi piace tantissimo, complimenti!!!

    • @saparunda ti ringrazio dei complimenti. La Spezia mi manca, ci vado poche volte purtroppo.

  • Bella davvero questa lasagna che richiama i sapori dell’infanzia! :-p
    Sei la seconda persona che vedo, che riesce a impastare 300 g di farina con un uovo e senza aggiungere altri liquidi: ma come fate? A me sarebbe venuto un ammasso di briciole… mi sa che devo venire a scuola da voi. 🙂
    Un abbraccio!

  • Ma belle le tue lasagne! Anche le mie somigliano un poco negli ingredienti 🙂
    A presto un abbraccio 😉

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*