Parte oggi la settimana del maiale per il Calendario del cibo italiano di AIFB.

Uno dei due miei ragazzi ha giocato fino all’anno scorso a Basket e i giocatori della sua squadra per circa 10 anni hanno fatto una “cena” al mese in palestra/spogliatoio (in effetti non so proprio dove) e solitamente uno della squadra, che compiva gli anni, portava da mangiare. Qualcuno comprava cose già fatte e altri come mio figlio Marcello chiedeva alla mamma, e le alterative erano o la pasta forno o il maiale in crosta, o tutte e due.

Pensate ad una dozzina di ragazzi, negli ultimi anni anche uomini, sportivi e affamati! Non tornava a casa mai niente. di quei due kili di maiale più il pane che avvolgeva la carne.
Il pane si impregna dei sughi profumati che restano all’interno. La carne rimane morbida e non stopposa, asciutta.

Preparate la pasta di pane facendo una fontana sul tavolo con la farina, metteteci al centro il lievito di birra e un cucchiaio di zucchero, un cucchiaio di olio extra vergine di oliva e iniziate ad impastare, aggiungendo acqua tiepida in cui avete aggiunto il sale fine. Impastate fino che l’impasto non sia morbido e liscio.
Lasciate lievitare per un’ora poi stendete l’impasto dandogli una forma rettangolare. Prendete la lonza di maiale e posizionatela in mezzo al rettangolo di pasta. Ungete la carne, salatela, mettete dei rametti di rosmarino e timo. Avvolgete tutta la carne nella pasta di pane e mettetela in forno preriscaldato a 180 gradi.

Dovrebbero bastare 40/45 minuti. Sfornate e tagliate a fette.

la crosta

Ingredienti

1000 Kg. di

lonza di maiale
500 g. di farina
1 cucchiaio di olio evo
1 cucchiaio di zucchero
1 bustina di lievito secco
1 mazzetto di odori

Altri suggerimenti

avatar

admin


One Response to "Maiale in crosta"

  • E ci credo che è sparito! Bocche fameliche di giovani palestrati ma ti assicuro che sarebbe sparito comunque anche tra di noi! Mio papà quando cuoceva le costine di maiale sulla brace ogni tanto le chiudeva tra due mezze pagnotte e li rimettava al fuoco…beh, ci si litigava il pane!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*