La mia Alabama Lane Cake per il Club del 27

Alabama Lane Cake

Una delle cose più divertenti del gioco con MTChallenge è il Tema del Mese, approfondimento intorno al mondo relativo alla ricetta oggetto della sfida mensile. Ed è una corsa ogni mese a presentarsi il prima possibile, il giorno della pubblicazione delle ricette in palio. In modo da non rimanere fuori dalla possibilità di seguire in prima persona quell’approfondimento. Le ricette non sono tante e dopo un paio d’ore dalla pubblicazione sono già tutte distribuite. Nasce da quest’idea, di includere il più possibile ed escludere il meno possibile, questo nuovo appuntamento mensile. Il 27 di ogni mese, riprendiamo un tema del mese e continuiamo a giocare. Nel Club del 27. Ho preso subito la tessera del Club. La prima proposta cade sul Tema del Mese di Febbraio 2013. La mia scelta su Alabama Lane Cake. La sua storia intrigante. La potete leggere qui. Meringa Per la torta (una teglia tonda dia 20x10h 500 g di farina 00, setacciata 2 cucchiaini di lievito per dolci un pizzico di sale 400 g di zucchero 225 g di burro a temperatura ambiente 8 albumi 230 ml di latte 2 cucchiaini di estratto di vaniglia Preriscaldare il forno a 180 gradi. Imburrare e infarinare la teglia, avendo cura di sistemare sul fondo un cerchio di carta da forno. Con le fruste elettriche, montare il burro con lo zucchero, fino ad ottenere un composto morbido e spumoso. Aggiungere gli albumi non montati, tutti assieme, e continuare a lavorare l’impasto con le fruste elettriche, per qualche minuto. Non aspettatevi che gli albumi montino, a causa della presenza del grasso e del tipo di lavorazione: dovrete solo ottenere un composto gonfio e liscio. Aggiungete la vaniglia e mescolate ancora. Setacciate la farina col lievito e incorporatela al composto, alternandola al latte, in tre tempi, continuando sempre a montare fra un passaggio e l’altro. Versare il composto nella teglia ed infornare per mezz’ora. Fare la prova dello stuzzicadenti: se esce umido, la torta è pronta. Lasciarla raffreddare dieci minuti in teglia, prima di sformarla su una graticola e farla poi raffreddare completamente. la fetta La farcitura 8 tuorli 200 g di zucchero 110 g di burro 150 g di uvetta 1 bicchierino di Bourbon 1 cucchiaino di estratto di vaniglia Montate i tuorli con le fruste elettriche, poi aggiungete lo zucchero e il burro a temperatura ambiente e, sempre mescolando, mettere la ciotola a bagnomaria e continuare a montare per una decina di minuti. Aggiungete poi l’uvetta ammollata, il Buorbon e la vaniglia. Farcire la torta e metterla in frigo per una notte. La copertura 3 albumi 250 ml di acqua 200 g di zucchero cremor tartaro, la punta di un cucchiaino (non l’ho messo) sale In un casseruolino dal fondo non spesso, unite l’acqua e lo zucchero e, a fiamma media, preparate uno sciroppo, portandolo a 121 gradi. Nel frattempo, montate gli albumi a neve ben soda. Unite il sale e il cremor tartaro e, quando è pronto lo sciroppo, versatelo poco per volta negli albumi, senza mai smettere di montare. Continuate a montare fino al completo raffreddamento della meringa: dopodichè, spatolatela sopra la torta e servite. Decorate con ciuffi di meringa e una granella di noci pecan e pistacchi.

banner Bellissimo banner di Francesca Carloni

Related Posts
33 Comments

Bella, bellissima… l’avevo già vista nel gruppo ed era una di quelle che mi aveva colpito di più! Brava, un bascione e buona settimana

admin

grazie Patti, molto gentile-!

E’ proprio bella bella! ELegante con quei ciuffi e quelle note di colore. Sto facendo indigestione di torte.. !

Ma lo sai che già ieri mi ero innamorata della decorazione e solo oggi scopro leggendo bene che la granella è di noci Pecan? Sono le mie preferite, e secondo me con i profumi di questa Alabama ci stanno benissimo. Brava Brava Brava

admin

Grazie Valentina, è un piacere leggere le tue parole.

Con quei ciuffetti è spettacolare!

admin

Grazie Silvia, mi sarebbe piaciuta più liscia, ma i ciuffetti si mi piacciono. Grazie mille

Elisa Dondi

Questa è proprio sontuosa! Perfetta! Ciao cara complimenti!

admin

Grazie a te di essere passata.

Bella ed elegante la tua torta…complimenti!!!!! ora dovremmo organizzare l’assaggio ufficiale tutte insieme 🙂

Decorazione magistrale, brava Anto 🙂

admin

ciao eElena, grazie di essere passata! adesso vengo io ad lustrarmi gli occhi!

Le Alabama cakes si prestano benissimo per decorazioni di tanti tipi. Ne ho viste di bellissime in giro e la tua non è da meno!
bravissima!!!!!!

admin

grazie Franci.

mamma mia che goduria…devo urgentemente provare anche questa! e intanto la bilancia ringrazia… 😀

Stesse torte ma tutte incredibilmente uniche! Bravissima!

admin

si, questo è il bello! ognuno la interpreta a modo suo, che è sempre speciale!

Kika

Era una delle mie ultime scelte, ma ora, vedendo le vostre realizzazioni, mi è proprio venuta voglia di farla. porca paletta!
La tua è bellissima con quei ciuffetti di meringa e la frutta secca.

admin

grazie! Aspetto di vedere la tua allora!

Una torta molto elegante e sopratutto golosa, simpaticissimi i ciuffi che alleggeriscono la maestosità dell’Alabama

admin

adesso vengo a vedere la tua!

Sontuosa ed elegante…bravissima!

Elena

ti è venuta magnificamente bene, una decorazione fine e raffinata, strati ben distanziati e crema bella compatta… complimenti!

e avevi dubbi a pubblicarla!E’ bellissima! Ma lo sapevo, ne ero sicurissima. E quei ciuffi, sono la nota che regala ancor più eleganza.
Complimenti Antonella, davvero di cuore.

Un caro saluto.
Giuliana

admin

Si, non l’avevo ancora fatta e vedendo i vostri capolavori temevo brutte figure.

Che bella, gli strati all’interno sono uno spettacolo!

Rendere tutti partecipi, senza escludere nessuno. Lo spirito esatto 🙂
La tua alabama è bellissima e mi piace moltissimo quella decorazione di granelle e ciuffi 🙂

Uno spettacolo di torta, complimenti!

admin

Grazie @Therese!

fabiola

devo dire che questa torta mi sta incuriosendo tanto tanto, ottima interpretazione.
a presto.

Arrivo tardi, lo so. ma solo vedendola ho l’acquolina…

admin

non c’è mai un tardi! Grazie

Leave a Reply

Your email address will not be published.Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.