Una bevanda detox per iniziare bene l’anno

Una bevanda detox per iniziare bene l’anno

Nella Misterybox di questo mese nel gruppo “sei in cucina” di Facebook, c’è la parola Detox e sei ingredienti: quello principale Arance e poi finocchi, latte di mandorle, triglie, caffè e cardamomo. Una bella scelta.

detox

Io partecipo con la ricetta che mi sembra più detox possibile: una bevanda con arance, finocchi e latte di mandorla.

Per le Arance ho scelto la varietà Tarocco perché disponibile adesso e perché è adatta sia ad essere mangiata che spremuta.

Ha la buccia rugosa e polpa striata di rosso, priva di semi, succosa. Ricca di vitamina C, antiossidante, previene le malattie da raffreddamento e favorisce l’assorbimento del ferro. Contribuisce al mantenimento della tenacità e tonicità di molti tessuti, combatte la fragilità dei vasi sanguigni.

I Finocchi sono ricchi di vitamina e potassio, contengono calcio, fosforo e sodio, ma soprattutto Fibra e acqua. Sono gli ortaggi meno calorici in assoluto e hanno proprietà digestive e diuretiche.

La Mandorla è ricca di acidi grassi insaturi, proteine, vitamine del gruppo B e E antiossidanti oltre a sali minerali (magnesio, ferro, calcio). Pare che per assorbire meglio le proprietà del frutto è meglio associarlo a frutta acida, verdure e ortaggi. Quindi l’ideale per arance e finocchi.

Ho pensato ad una bevanda da colazione o ammazzafame.

Con un estrattore, centrifugare una arancia e mezzo finocchio. Mescolare insieme il succo di arancia con il succo di finocchio e aggiungere il latte di mandorla. Agitare prima di consumare.

Per un bicchiere di bevanda:

  • 1 dl di succo di arancia (da estrattore)
  • 1/2 dl di succo di finocchio
  • 1/2 dl di latte di mandorla

Related Posts
2 Comments
Alessandra

Grazie per aver giocato con noi 🙂

admin

Il gioco è simpatico, creativo e divertente. Ringrazio io voi.
Non vedo l’ora di vedere la nuova proposta.

Leave a Reply

Your email address will not be published.Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.