header-image

Triglia

Ecco una seconda proposta per il contest “Sei in cucina”, di gennaio. La misterybox con sei ingredienti per una ricetta Detox.

Pulite le triglie, cercando di non rovinarle perchè sono molto delicate. spremete una mezza arancia e inserite in un sacchetto per il sottovuoto il succo e le triglie.
Tenete in infusione sottovuoto per 24 ore in frigorifero.
Cuocete a vapore le triglie, sempre tenendole sottovuoto, per 15 minuti circa, a secondo della grandezza delle triglie.
Lasciatele raffreddare e sfilettatele.
A parte ricavate il succo estratoo da un finocchio. Salate, pepate e aggiungete un cucchiaio di olio extravergine di oliva. Mettete al fuoco basso e aggiungete l’amido di riso. Lasciate sobbollire per 5 minuti, continuando a mescolare in modo che si formino grumi.
Ricavate il succo dell’altra metà arancio, filtratatela. Scaldatela e aggiungete l’amido di riso. Lasciate al fuoco per 5 minuti continuando a mescolare. Mettete il composto in un “biberon” per utilizzarlo per decorare.

Tringlie in brodo di finocchio
Componete il piatto versando sul fondo il “brodo” di finocchio. Con un coppapasta formato un parallelepipedo sovrapponendo i filetti di triglia.
Con il composto di arance formate la decorazione all’arancia.

Ingredienti per 2 porzioni

350 g di triglie
1 finocchio
1 arancia
2 cucchianini di amido di riso
sale, pepe

Con questa ricetta partecipo a :

Potresti vedere anche
Triglie e gallinelle con il loro ristretto

Voglia ancora di mare, di estate, anche se si è all'inizio dell'autunno in città. Sentire il calore del sole e Read more

Crostone di pane di Matera alle triglie

Mi sembra il momento adatto per postare questa ricetta che era li in attesa del momento giusto. In questi giorni Read more

Triglie impanate in bella mostra

Quando ho partecipato al Contest organizzato dall’Unione Regionale Cuochi Lucani (URCL)  in occasione del 27° Congresso Internazionale della Federazione Italiana Cuochi Read more

Terrina di verdure con cruditè di Asparagi

Tagliate gli asparagi a 4 cm. dalla punta e affettare più sottilmente possibile i gambi nel senso della lunghezza e Read more

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci»