Faccio un po’ di pubblicità perché la vendita di questo libro sostiene un progetto contro la dispersione scolastica.

Casa editrice: Sagep editori
Collana: i libri dell’Mtc
Fotografie: Paolo Picciotto
Illustrazioni: Mai Esteve
Impaginazione: Barbara Ottonello
Editor: Fabrizio Fazzari
Prezzo 18 euro
in vendita in tutte le librerie e su Amazon, IBS

Argomento: le insalate come non le avete mai viste 😉
41 ricette di “insalate da Tiffany”, ossia le insalate pensate non come contorni o piatti veloci, ma come vere e proprie protagoniste delle nostre tavole, secondo la moda inaugurata da Escoffier &Co al tempo della nascita dell’alta ristorazione. Seguono poi 53 “pezzi facili”, vale a dire insalate nel senso più classico del termine. Le prime sono tutte ambientate nella Belle Epoque, con pezzi d’epoca originali e preziosissimi, le seconde hanno una grafica assolutamente contemporanea, con le illustrazioni della Mai. In mezzo, ci sono infiniti condimenti: emulsioni stabili e instabili, aceti, olii, sali aromatizzati, citronette, vinagrette, maionesi e tutto quanto serve per condire l’insalata in modo da renderla originale e sempre diversa.
E poi, c’è il c’era una volta, con la parte storica, e la parte più tecnica, con le attrezzature, i consigli, il come si fa.

Questo è il secondo volume  dei Libri dell’MTC, con L’ORA DEL paTE’ ci siamo impegnati (e continuiamo) a sostenere il progetto Cuore di bimbi per i bambini affetti da gravi cardiopatie congenite.
Anche stavolta il nostro interesse è stato rivolto ai più giovani.

Acquistando una copia di Insalata da Tiffany, contribuirai alla creazione di borse di studio per i ragazzi di Piazza dei Mestieri , un progetto rivolto ai giovani oggetto della dispersione scolastica e che si propone di insegnare loro gli antichi mestieri di un tempo, in uno spazio che ricrea l’atmosfera di una vecchia piazza, con le botteghe di una volta – dal ciabattino, al sarto, al mastro birraio e, ovviamente, anche al cuoco. La Piazza dei Mestieri si ispira dichiaratamente a ricreare il clima delle piazze di una volta, dove persone, arti e mestieri si incontravano e, con un processo di osmosi culturale, si trasferivano vicendevolmente conoscenze e abilità: la centralità del progetto è ovviamente rivolta ai ragazzi che trovano in questa Piazza un punto di aggregazione che fonde i contenuti educativi con uno sguardo positivo e fiducioso nei confronti della realtà, derivato proprio dall’apprendimento al lavoro, dal modo di usare il proprio tempo libero alla valorizzazione dei propri talenti anche attraverso l’introduzione all’arte, alla musica e al gusto.

Potresti vedere anche
Questo mese parliamo di risotti a scuola. Come si cuociono,
Una visione di un film appena uscito nelle sale italiane
Dopo le abbuffate qualche piatto più equilibrato.Così se ne parla nella rubrica
Ultimo appuntamento per questo anno del Club del 27. A
Eccoci all'appuntamento mensile con il Club.del 27.  Siamo in tema

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.