quasi biove

Pane e panini, potrebbe essere un biove

Pane e panini, potrebbe essere un biove

Anche se non è un biove, non può esserci cena se non c’è il pane in tavola. Ma non potrei neanche fare a meno di fare il pane. Almeno una volta alla settimana, ma negli ultimi due anni, complice il dover stare a casa il più possibile mi capita di farlo anche due, tre volte durante una settimana. Il bello è che così quando finisce si rifà, e non ci sono sprechi. Il pane non avanza.

Prima quando lo compravo, non so il motivo, ma o ne compravo troppo poco e mancava o ne compravo troppo e avanzava. Mai riuscita a comprarne il giusto, il necessario.

Adesso lo compro solo se voglio provare un nuovo tipo. I cinesini di Princi, il pane georgiano di Tone o di qualche piccolo laboratorio artigianale.

Fare il pane con la pasta madre ha, tra gli altri, il pregio di conservarsi più a lungo senza seccare subito. Quindi lo adoperi tutto, inoltre è più buono e non avanza. Il peccato è che ne mangi di più.

Adesso sen caso il problema è l’inverso: non mi avanza più e quando mi serve il pan grattato non ne ho.

Ma ciò che è più bello è avere l’impasto tra le mani, accarezzarlo, soffice e setoso nel fare le pieghe, nel pirlarlo. Nell’accompagnarlo delicatamente nello stampo. E aspettare trepidante che si gonfi, lieviti, cresca. Trovare il momento giusto per poterlo infornare e vederlo colorare. Imbrunire. A volte troppo.

Sensazioni di benessere.

Questo pane, che se lo si taglia, assomiglia ad un biove è una rivisitazione di una ricetta di Monica Bergomi di “La luna sul cucchiaio“. Lì sono arrivata un giorno, poi ogni tanto faccio delle varianti, con farine diverse, con semi o senza semi. con cotture con o senza pentola.

Yields3 Servings

Fai partire il timer: 40 Minutes

Fai partire il timer: 20 Minutes

 200 g pasta madre
 200 g farina 2
 300 g farina di grano tenero W
 300 g acqua
 23 g sale
 5 g malto d'orzo

La sera rinfrescate la pasta madre e tenete da parte 200 g.
La mattina sciogliete molto bene il lievito nell’acqua. Aggiungete poco alla volta le due farine alle quali avrete aggiunto il malto. Nell'ultimo cucchiaio di farina aggiungete il sale.
Continuate ad impastare, aumentando la velocità della planetaria, sino ad ottenere un impasto incordato. Ci vorranno circa 10 minuti.
Trasferite la massa sulla spianatoia e lavoratela ancora un poco. Dividete l'impasto in tre. Stendete ogni pezzo in un rettangolo. Piegatelo in due o anche in tre per ottenere un filone lungo e stretto. Con il mattarello stende la pasta in modo da ottenere una striscia larga circa 8 cm. e lunga il più possibile, circa 60 cm. Arrotolate l'impasto e lasciatelo riposare e lievitare in uno stampo per 6 ore circa a temperatura ambiente e coperto a campana. Il tempo dipende dalla temperature e dalla vostra pasta madre, potrebbe volerci un po' di più o un po' di meno. Comunque fino al raddoppio della massa.
Se preferite prima di infornare fate un taglio lungo il panino e cospargete di farina di semola.

Preriscaldate il forno a 240ºC il forno e cuocete per 40 minuti, abbassate la temperatura a 200C e cuocete per altri 20’minuti.

panino

Ingredients

 200 g pasta madre
 200 g farina 2
 300 g farina di grano tenero W
 300 g acqua
 23 g sale
 5 g malto d'orzo

Directions

1

La sera rinfrescate la pasta madre e tenete da parte 200 g.
La mattina sciogliete molto bene il lievito nell’acqua. Aggiungete poco alla volta le due farine alle quali avrete aggiunto il malto. Nell'ultimo cucchiaio di farina aggiungete il sale.
Continuate ad impastare, aumentando la velocità della planetaria, sino ad ottenere un impasto incordato. Ci vorranno circa 10 minuti.
Trasferite la massa sulla spianatoia e lavoratela ancora un poco. Dividete l'impasto in tre. Stendete ogni pezzo in un rettangolo. Piegatelo in due o anche in tre per ottenere un filone lungo e stretto. Con il mattarello stende la pasta in modo da ottenere una striscia larga circa 8 cm. e lunga il più possibile, circa 60 cm. Arrotolate l'impasto e lasciatelo riposare e lievitare in uno stampo per 6 ore circa a temperatura ambiente e coperto a campana. Il tempo dipende dalla temperature e dalla vostra pasta madre, potrebbe volerci un po' di più o un po' di meno. Comunque fino al raddoppio della massa.
Se preferite prima di infornare fate un taglio lungo il panino e cospargete di farina di semola.

Preriscaldate il forno a 240ºC il forno e cuocete per 40 minuti, abbassate la temperatura a 200C e cuocete per altri 20’minuti.

panino

Pane e panini
Related Posts
Leave a Reply

Your email address will not be published.Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.