banana bread

Questo Banana Bread è arrivato al momento giusto. Avevo giusto tre banane che stavano ristagnando nel cestino della frutta. Troppo mature per essere mangiate, ancora troppo poco mature per finire nel cestino dell’umido. Ho risolto così il mio problema di coscienza, perchè ho dei problemi a buttare via il cibo.

Le ricette di Ottolenghi mi affascinano e corrispondono molto ai miei gusti. E come sempre non mi delude.

INGREDIENTI

  • 180 g di noci (noci pecan)
  • 3 banane mature, circa 300 g
  • 275 g di zucchero di canna chiaro
  • 3 uova leggermente sbattute
  • 140 ml di latte intero
  • 70 ml di olio di girasole
  • 275 g di farina 0
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 1/2 bustina di lievito
  • sale

Per guarnire

  • 80 g di burro, a temperatura ambiente
  • 60 g di tahini
  • 200 g di miele con il favo
  • 1/2 cucchiaino di sale grosso

PROCEDIMENTO

Riscaldate il forno a 170° C. Foderate un tortiera da plumcake da 25 cm con della carta forno.

Tostate le noci su una teglia e tostatele per 10 minuti prima di tritarle grossolanamente e metterle da parte.

Mettete le banane nella ciotola di un robot da cucina con lo zucchero e le uova e sbattete bene. Aggiungete il sale, il latte e poi l’olio, Setacciate la farina, il bicarbonato e il lievito e aggiungetelo al composto. Continuate a mescolare a velocità media per circa 5 minuti, fino ad ottenere un impasto omogeneo. Aggiungete le noci e poi versate il tutto nello stampo.

Infornate e cuocete per 70 minuti, finchè inserendo uno stecchino non lo estraete pulito e asciutto.

E’ possibile conservarlo per cinque giorni in frigorifero avvolto nella stagnola o in freezer per qualche settimana.

Nel caso dopo averlo scongelato, scaldate il grill del forno. Spennellate le fette di pane alte circa 2 cm, con il burro. Tostatele sotto il grill per un paio di minuti. Irrorate con la tahini, adagiate un pezzo di favo su ogni fetta e cospargete con sale grosso. Servite

La ricetta del Banana Bread è tratta da Plenty More

Potresti vedere anche
La ricetta scelta dal libro Plenty è la Crostata all'aglio
Di amare le ricette di Ottolenghi, l'ho già scritto più
Quinoa per una delle ultime insalate dell'estate. Un'insalata fresca e
Ancora Ottolenghi, da Plenty More, per un'insalata ideale con questo
Mi son fatta un regalo: un libro di Ottolenghi: Plenty

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci»