2013-03-10-19-04-47-copia

Ciascuno dovrebbe provare a fare il pane. Almeno una volta nella vita. Fare il pane non solo non è difficile, ma è patrimonio della natura umana. Qualche insuccesso iniziale è da mettere in conto, ma in breve si impara a perfezionare la procedura. Panificare a regola d’arte, e poter poi condividere quel pane con familiari e amici dà gioia vera, molto più di qualsiasi hobby o bricolage. Provare per credere. Panificare rigenera, come un esercizio zen. Si impara a controllare fretta e pulsione dosando forza e pazienza, si impara la duttilità della materia, alternando il tempo dell’azione e dell’attesa. Assieme all’impasto, lievitano autocoscienza e autostima, e ci si abitua al tempismo, perché è fondamentale infornare al momento giusto, per non compromettere tutto il lavoro precedente. E chi mangia assieme a noi il nostro pane è davvero compagno (cum panis), nel senso più profondo e letterale del termine
Alle donne, depositarie di una sapienza materiale tramandata da tempi arcaici, è demandato infatti il compito di panificare a partire dalla matrice primordiale dono delle Janas, le fate rupestri; il rituale dell’impasto nella madia (una sorta di grembo) inizia a mezzanotte e termina con la campana serale dell’Ave Maria, quando è compiuta l’opera delle Cochitoras che cuociono il pane ripetendo antiche gestualità e formule apotropaiche……. tratto da: www.bibenda.it

Propongo così un altro evento Gnammo,  portare avanti l’idea del pane naturale, per regalare un pò di pasta madre in modo che ognuno, maschio o femmina che sia provi a panificare.

L’appuntamento è a Vigevano il 2 luglio alle 19.30, e impastiamo insieme un pò di lievito naturale e farina e vediamo cosa esce…

MENU’
Pizza al lievito naturale
Gnocchi di pane
Arrosto in crosta
Biscotti di grano monococco
Budino al cioccolato

Pane integrale con lievito naturale

acqua, vino

per prenotazioni e ulteriori info:

logo gnammo

Potresti vedere anche
  Ho aderito con piacere ed entusiasmo al progetto di
Ecco un altro appuntamento Gnammo. Questa volta dedicato alla zona
Vasellame di terracotta, zucca, verza, spalla di maiale, piatto con

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci»