header-image

Era da un sacco di tempo che volevo cimentarmi nella realizzazione del pasta sfoglia fresca. Nonostante sia abituata ai tempi lunghi di preparazione, come nel pane con lievitazione naturale con l’utilizzo della pasta madre, l’idea di affrontare i tempi lunghi dei riposi della pasta sfoglia mi faceva desistere dall’approccio.

Poi quando ho partecipato ad un corso di pasticceria organizzato dalla locale condotta di SlowFood e in una delle serate il docente ha proposto e fatto realizzare alcune preparazioni dolci e salate, con l’utilizzo della pasta sfoglia ho deciso che dovevo proprio provarci. Era troppo entusiasmante e alla prima occasione mi sono messa di impegno.

Alcuni giorni dopo abbiamo organizzato una cena per una trentina di persone ed è stata l’occasione giusta per preparare una millefoglie alla crema pasticcera.

Il risultato che potete vedere in foto non è bellissimo. La torta da un lato è leggermente franata e la cottura purtroppo non è stata uniforme. Ma il sapore era buono, i commensali hanno gradito e come risultato della prima esperienza diciamo che è stato almeno sufficiente. Operazione quindi da ripetere al più presto.

Per il pastello: Scaldare mezzo etto di acqua, aggiungete sale e mescolate fino a quando non sia ben sciolto.
Disporre la farina a fontana, versate nel mezzo poco alla volta il resto dell’acqua fredda e iniziare ad impastare, unendo alla fine l’acqua con il sale sciolto.
Lavorare l’impasto con energia finché non risulterà liscio, elastico e omogeneo.
Farlo riposare per almeno 30 minuti, avvolto in pellicola trasparente.

Per il panetto: Lavorare il burro ammorbidito con la farina senza scaldarlo troppo con le mani. Stendere il panetto tra due fogli di carta forno, dandogli forma rettangolare, abbastanza alta.

Sistemare il panetto nel centro del pastello, che avrete tirato con il mattarello in forma rettangolare in modo che sia più grande del panetto con le parti laterali ripiegando a libro.

Passate il mattarello sul pastello in modo da ottenere una striscia rettangolare dallo spessore di 1,5 cm. Ripiegare ancora in tre, Coprite l’impasto con la pellicola e riponete in frigo per almeno 2 ore.

Riprendere il panetto e tirare la sfoglia dal lato corto e una volta stesa ripiegare ancora in tre. Riporre per altre due ore in frigo.
Ripetere l’operazione tre volte. Cambiando sempre il lato per tirare la sfoglia.

Stendere poi la sfoglia e cuocerla in forno a 180 gradi fino a doratura. Tagliarla in formato, farcire con crema pasticcera e alternare gli strati. Sopra l’ultimo cospargere di zucchero a velo e ricoprire i lati con sfoglia tritata mescolata a granella di mandorla.

Ingredienti per il pastello:

500 gr. farina 00
sale
acqua

Ingredienti: per il panetto:

150 gr. farina 00
500 gr. burro

Potresti vedere anche
Il Panmelato di Suor Maria Vittoria della Verde

La ricetta del Panmelato è tratta dal libro Gola e Preghiera nella clausura dell'ultimo '500. Il volume trascrive le 170 Read more

Biscotti al mais – Buon compleanno Club del 27

Oggi si festeggia un compleanno. Il terzo del Club del 27. Ogni ventisette del mese questo appuntamento fisso ci accompagna Read more

BEIGNET DI NEW ORLEANS

Non avevo mai sentito parlare dei Beignet di New Orleans. Ma con Recake ne scopro sempre una nuova ogni mese. Read more

APPLE CINNAMON PULL-APART BREAD

Oggi ho preparato un dolce, una via di mezzo tra un pane e una torta di mele, e un cinnamon Read more

Biscotti alle mandorle per Recake 2.0

Ultimo appuntamento dell'anno con Recake. L'augurio per un Buon Anno Nuovo è con i Biscotti dal libro Sweet di Ottolenghi. Read more

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci»