La prima Conferenza Mondiale sulla Dieta Mediterranea si è svolta dal 6 all’8 luglio presso Palazzo Lombardia a Milano per delineare il futuro della Dieta Mediterranea: uno stile di vita eccellente dal punto di vista della salute dell’uomo e dell’ambiente, ma dal quale le popolazioni – comprese quelle del Mediterraneo – si stanno progressivamente discostando.

La Call for Action intende valorizzare la Dieta Mediterranea come stile di vita che vada oltre la nutrizione, coinvolgendo gli aspetti di sostenibilità ambientale e il suo valore socio-culturale ed economico,
arginando il potenziale pericolo di abbandono di questo patrimonio comune. L’appello, lanciato da IFMeD – International Foundation of the Mediterranean Diet – mira al riconoscimento della Dieta
Mediterranea come un elemento decisivo per la sostenibilità del Food System nei Paesi Mediterranei e lo fa attraverso un’azione comune e condivisa, secondo le linee guida dell’Agenda delle Nazioni Unite
per lo sviluppo sostenibile per il 2030.

“Fino a oggi si è guardato alla dieta mediterranea come a un regime alimentare salubre. Ma è molto di più” afferma l’esperto della FAO Sandro Dernini, autore del rapporto “Mediterranean food consumption patterns” presentato da Fao e Ciheam all’Expo di Milano. Nel rapporto si definisce un nuovo sistema chiamato Med Diet 4.0. ovvero un modello che analizza le quattro dimensioni della dieta mediterranea: ambiente, economia, cultura e salute. “La cosa difficile- continua Dernini – è far passare il concetto della sostenibilità, ovvero un sistema in cui i consumi influenzino una produzione sostenibile e legata al territorio”.

Aver aggiunto quindi una dimensione alla piramide alimentare della dieta mediterranea sottolinea questi aspetti.

Vorrei contribuire all’importanza alla divulgazione della dieta mediterranea, partecipando a questo contest promosso da AIFB e da L’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli con una ricetta dedicata ai bambini, il nostro futuro. Credo che anche i grandi possano goderne ma a loro in particolar modo la dedico.
In questa torrida estate fa bene cercare qualche refrigerio. E un “gelato” è l’ideale.

Prendete una banana, dopo averla sbucciata mettetela a pezzi nel mixer, aggiungete mezza mela sbucciata e fatta a pezzi, qualche goccia di limone, un cucchiaio di yogurt naturale intero, e aggiungete un cucchiaio di miele all’arancio. Mixate il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo. Riempite dei contenitori per gelati/ghiaccioli e lasciate raffreddare in frigo per una notte. Per consumarli, lasciate scaldare fra le mani il contenitore ed estraete il gelato.

Rinfrescante ed ideale per una merenda estiva.



Ingredienti per 6 gelatini

Una banana
1/2 mela
qualche goccia di limone
1 cucchiaio di yogurt
1 cucchiaino di miele all’arancio

Potresti vedere anche
Pochi ingredienti per questo sorbetto su stecco alla prugna rossa.
Sono io oggi l'ambasciatrice della Cucina di Corte del Calendario
  Camilla Assandri del blog La cascata dei sapori è
Le conserve mi piacciono, odio gli sprechi. Quando la natura
Anche questa ricetta è dedicata al contest a sostegno della

One Response to "Gelato alla banana"

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci»