Della cucina di mio padre ricordo alcuni piatti. Quelli che preparava lui, per gli altri dava indicazioni di come li volesse. Ha smesso da qualche anno di cucinare i suoi piatti come le omelette alla marmellata di albicocca e lo smorm con le mele. Di dare indicazioni su cosa vuole mangiare non ha ancora smesso.
Questo è il versante austriaco della mia famiglia e della mia cucina.

Adoravo da piccola quelle cene a base di un piatto unico più dolce che salato. E mi piaceva vederlo indaffarato tra le padelle e il forno in cui conservava al caldo il cibo già in attesa che venissero pronte le omelette per tutti.

Lo smorm è una versione semplificata di quelle omelette. La pastella è la stessa, farina in cui si aggiunge poco alla volta il latte a temperatura ambiente il rosso dell’uovo e l’albume montato a neve, un pizzico di sale. Si mescola bene fino ad ottenere un composto omogeneo. Con il coppino si prende l’impasto e lo si versa in un angolo della padella calda e leggermente unta. Lo si fa scorrere su tutta la superficie in modo da ricoprirla. Passati qualche minuti la si gira in modo che cuocia anche dall’altro kato. Poi si inizia a romperla come se fossero uova strapazzate.

A parte si cuociono le mele, pelate e tagliate a pezzi con l’aggiunta di qualche goccia di limone, un paio di cucchiai di acqua e lo zucchero. La mela si deve cuocere e caramellare lasciando un sughino con cui condire lo smorm.

Si unisce la mela allo smorm e si serve ancora tiepido.

Ingredienti

100 g di farina
200 g di latte
1 uovo
Un pizzico di sale
Due mele
Un cucchiaio di zucchero
2 cucchiai di acqua
Succo di limone

Con questa ricetta, partecipo al contest : “TUTTOMELE” in collaborazione con UIR, UNIONE ITALIANA RISTORATORI E SAPORIE.

Potresti vedere anche
Ritorna la festa Transfrontaliera "Lo Pan Ner - I pani
Prima Recake 2.0 dell'anno. E' un appuntamento che non sempre
Oggi esce la ricetta del KeepCalm, la rubrica su Facebook
Una visione di un film appena uscito nelle sale italiane

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci»