header-image
red rice

Finalmente un progetto nuovo, MTC – Taste the World e decisamente interessante nel panorama gastronomico del web. Panorama che in questo ultimo periodo risulta molto povero di idee e tutto simile.

Nuovo perché parla di minoranze, di minoranze gastronomiche. Non perché è di moda, anzi, ma perchè nessuno ne parla. L’idea quella di presentare una minoranza, ogni mese.

In segno di rispetto, di voglia di conoscere per imparare, nel segno del dialogo, viene rifatta una ricetta, così come il “protocollo” scritto o tramandato dice che vada fatta. Questo mese iniziamo con i Gullah-Geecee,

I Gullah Geechee rappresentano una delle comunità afro-americane degli Stati Uniti, è la più africana fra tutte le comunità afro-americane, quella che ha mantenuto più di altre il legame con i luoghi d’origine da più punti di vista: antropologico, linguistico, storico e culinario. Storia che Alessandra Van Pelt Gennaro, mente del progetto, antropologa del cibo, ci racconta in questo video.

La comunità afro-americana degli Stati del Sud che ha introdotto il riso nei futuri Stati Uniti. lo ha fatto al tempo della schiavitù e proprio per questo, a dispetto della sua straordinaria importanza, non ha mai trovato nei libri di storia lo spazio che avrebbe meritato.
Ci prova l’MTC a farli conoscere, in questo numero zero, raccontandone la storia e le storie e condividendo la ricetta del loro riso rosso o Red Rice.

red rice gullah

Il riso il perno attorno a cui ruota tutta questa storia.

Il riso, per me che arrivo dalla Lomellina è una cosa quasi sacra. Fu proprio da queste zone e in particolare dalla Lomellina che la coltivazione del riso iniziò a diffondersi in Italia oltre mezzo millennio fa. Furono i duchi di Milano che, lungimiranti, sperimentarono la coltivazione nelle terre paludose e praticamente improduttive tra il Po e il Ticino.

Prosperando nei terreni malsani, prima di trovare la sua fortuna, il riso, ha dovuto affrontare tre secoli di avverse vicende accusato di provocare febbri malariche. Un infinità di risi e risotti furono preparati con tutto ciò che la campagna metteva a disposizione, dagli asparagi alle foglie del papavero, patate, pomodori, peperoni, zucchine e zucca e altro. Dalle rane, ai pesci di acqua dolce. Gli avanzi davano vita a nuovi piatti con la propria dignità.

Intorno al microcosmo della risaia – fatto di sei mesi di duro lavoro da maggio a ottobre – hanno sempre ruotato feste, amori, danze, socialità, lotte sindacali, fatiche e dolori. Fino a che, intorno al 1980, la tecnologia ha pressoché soppiantato completamente il lavoro manuale, mettendo fino anche all’epoca delle mondine, le lavoratrici stagionali delle risaie.

Quindi per me anche un appassionante confronto di colture e culture.

Qui tutti i red rice preparati dalla comunity e sul sito Mtc tutti gli approfondimenti

AuthorCucino IoCategory, , DifficultyBeginner

Yields3 Servings
Prep Time10 minsCook Time20 minsTotal Time30 mins

 450 g di brodo di pollo o acqua
 225 g riso basmati
 180 di passata di pomodoro
 3 fette di bacon a cubetti
  cipolla tritata
 1 foglia di alloro
 1 spicchio d’aglio tritato
 1 cucchiaino di sale
 ½ cucchiaino di pepe nero

Taglate il bacon a a listarelle, fatelo cuocere a fiamma media, in una casseruola, fino a quando è croccanti e il bacon ha rilasciato il suo grasso (6-8 minuti). Scolate il bacon e tenetelo da parte.
Aggiungete la cipolla tritata e fatela cuocere nel grasso, fino a quando sarà traslucida (2-3 minuti). Aggiungete l’aglio e proseguite la cottura per un minuto circa. Unite poi il riso e cuocetelo, mescolando, fino a quando i chicchi perderanno la loro trasparenza. Unite quindi tutti gli altri ingredienti e portate a bollore, a fiamma alta.
Abbassate la fiamma, mettete il coperchio e proseguite la cottura per 10-15 minuti, mescolando di tanto in tanto.
Quando il riso è cotto, spegnete il fuoco e fate riposare per 5 minuti, sempre coperto. Dopodiché, eliminate la foglia di alloro e sgranate il riso con una forchetta, prima di rovesciarlo nel piatto da portata
Regolate di sale e pepe e guarnitelo con i cubetti di bacon tenuti da parte e decoratelo con timo, o coriandolo o prezzemolo.

red rice gullah

Ingredients

 450 g di brodo di pollo o acqua
 225 g riso basmati
 180 di passata di pomodoro
 3 fette di bacon a cubetti
  cipolla tritata
 1 foglia di alloro
 1 spicchio d’aglio tritato
 1 cucchiaino di sale
 ½ cucchiaino di pepe nero

Directions

1

Taglate il bacon a a listarelle, fatelo cuocere a fiamma media, in una casseruola, fino a quando è croccanti e il bacon ha rilasciato il suo grasso (6-8 minuti). Scolate il bacon e tenetelo da parte.
Aggiungete la cipolla tritata e fatela cuocere nel grasso, fino a quando sarà traslucida (2-3 minuti). Aggiungete l’aglio e proseguite la cottura per un minuto circa. Unite poi il riso e cuocetelo, mescolando, fino a quando i chicchi perderanno la loro trasparenza. Unite quindi tutti gli altri ingredienti e portate a bollore, a fiamma alta.
Abbassate la fiamma, mettete il coperchio e proseguite la cottura per 10-15 minuti, mescolando di tanto in tanto.
Quando il riso è cotto, spegnete il fuoco e fate riposare per 5 minuti, sempre coperto. Dopodiché, eliminate la foglia di alloro e sgranate il riso con una forchetta, prima di rovesciarlo nel piatto da portata
Regolate di sale e pepe e guarnitelo con i cubetti di bacon tenuti da parte e decoratelo con timo, o coriandolo o prezzemolo.

red rice gullah

Red Rice
Potresti vedere anche
Gli Spätzle – il Club del 27

Gli Spätzle sono una di quelle ricette rimaste nel cassetto per troppo tempo. Qualche hanno fa ho acquistato anche la Read more

Gnocchi di semolino, ricetta di Petronilla

Gnocchi di semolino, morbidi e leggeri. Dopo l'abbuffata di ieri sera per il compleanno era doveroso cenare leggero. E siccome Read more

Tortelli alla barbabietola, ripieni di ricotta di capra

A volte è irrefrenabile una voglia di colore nel piatto, una voglia di contrasti di sapori con contrasti di colori, Read more

2 Responses to "Red Rice – I Gullah Geechee"

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci»