header-image
fetta torta cavolo nero e patate dolci

Questa ricetta è una rivisitazione di un piatto proposto da Alanna Taylor-Tobin del blog Bojon Gourmet. Le sue ricette sono prevealentemente senza glutine e usa farine alternative. E’ un mondo che mi affascina anche se alcuni prodotti non sempre per noi italiani,sono  facilmente reperibili.

Questa ricetta ad esempio usa farine e amidi diversi. Così piano piano imparo ache a conoscere prodotti che non rientrano nella mia storia gastronomica, come la farina di tapioca. Questa farina o amido apporta al nostro organismo quasi solamente carboidrati e una piccola percentuale di proteine. Il 99% dell’energia fornita dalla tapioca al nostro organismo deriva proprio dai carboidrati. 100 gr di farina di tapioca apportano 360 calorie. Ma forniscono al nostro organismo anche 20 mg di potassio, 1 mg di ferro, 12 mg di calcio, 12 mg di fosforo. La farina di tapioca è poverissima di lipidi che rappresentano soltanto lo 0,2% del prodotto (100 gr), mentre le proteine costituiscono lo 0,6%.

E’ una farina molto fine, leggera e digeribile. Le preparazioni a base di tapioca, sono adatte a chi ha lo stomaco e l’intestino delicato. Infatti le pappe o le vellutate a base di farina di tapioca vengono offerte soprattutto ai bambini piccoli e a chi si trova in una fase di convalescenza.

Ho provato a ripetere la ricetta originale che trovate da Bojon Gourmet. Ma ho fatto qualche piccolo cambiamento e questo il risultato. Ho già in mente come correggere dei piccoli errori, come le patate troppo grandi, tagliate troppo alte, troppo ripieno rispetto alla pasta, ma sono già pronta a rifarla.

torta di patate dolci e cavolo nero

Ingredienti per la pasta

6-8 cucchiai di acqua ghiacciata (da 1 tazza di cubetti di ghiaccio riempiti di acqua fredda)
80 g farina di riso
25 g farina di avena
45 g farina di grano saraceno
30 g amido di mais
15 g amido/farina di tapioca
15 g semi chia
1 cucchiaio di zucchero
½ cucchiaino di sale
80 g di burro freddo
1 cucchiaino di aceto di mele

Ingredienti per il ripieno

2 patate dolci grandi (meglio usarne di più piccole)
1 cespo di cavolo nero
½ cipolla di Breme
2 spicchi d’aglio grandi, schiacciati
200 g di formaggio  Ementhaler
1 uovo
½ tazza (120 ml) panna vegetale
Qualche rametto di timo
Olio extravergine di oliva
sale marino e del pepe nero appena macinato, se necessario

 

torta cavolo nero e patate dolci

Procedimento

In una grande ciotola, combinare le farine di riso, avena e grano saraceno con l’amido di mais, farina di tapioca, semi di chia, zucchero e sale. Distribuire i pezzi di burro sulla parte superiore e lavorare con un frullatore o le dita finché la miscela non somiglia a ghiaia, e il burro delle dimensioni dei piselli.
Aggiungere 6 cucchiai di acqua ghiacciata con l’aceto di mele. Aggiungere l’acqua sufficiente per tenere insieme l’impasto, inserendo bene anche quello che rimane sul fondo della ciotola o sulle pareti. Potrebbero essere necessari fino a 8 cucchiai d’acqua in totale.

Raccogliere l’impasto in una palla e avvolgerlo in un involucro di plastica e appiattirlo in un disco. Far raffreddare l’impasto in frigorifero per 30 minuti.

Preriscaldare a 180°.
Portare una grande pentola di acqua salata a bollire. Sbucciate le patate dolci, tagliate via le estremità strette, e affettarle ad mezo centimetro di spessore. Collocare con cautela nell’acqua bollente e lasciare cuocere fino a quando non sono morbide ma non cotte. Scolare e sciacquare con acqua fredda per fermare la cottura. Accantonare.

Staccare le foglie del cavolo nero, scartare le costole e tagliare le foglie verdi abbastanza finemente in stisce approssimativamente da 1 cm.. Riscaldare l’olio in un’ampia padella a calore medio e  aggiungere la cipolla e l’aglio. Cuocere, mescolando frequentemente, finché la cipolla è tenera e dorata, 5-10 minuti. Aggiungere il cavolo, uno spruzzo d’acqua, un pizzico di sale e qualche girata di pepe. Cuocere, mescolando frequentemente, fino a quando il cavolo è cotto, 5-10 minuti. Togliere dal fuoco e lasciare raffreddare.

In una ciotola sbattere insieme la panna, l’uovo, il sale, e qualche girata di pepe fino a che tutto sia ben amalgamato. Tenere al fresco finoall’uso.

Rimprendere l’impasto. Se l’impasto è troppo freddo, lasciarlo stare a temperatura ambiente fino a che sia leggermente ammorbidito, 5 minuti. Stendere l’impasto tra due pezzi di carta forno spolverata leggermente con la farina d’avena, stenderla in un rettangolo. Utilizzare un pennello per spazzare via l’eccesso di farina dalla pasta. Tagliate i lati in modo che siano uniformi e diritti. Se la pasta diventa morbida o appiccicosa in qualsiasi momento, lasciare raffreddare in frigorifero per 10-20 minuti per raffreddare il burro.

Posizionare l’impasto su una teglia foderato di cartaforno. Distribuire uniformemente il formaggio grattato sopra la pasta, lasciando un bordo da 1 cm. tutto intorno. Posizionate il cavolo cotto. Posare le fette di patate dolci sopra il cavolo, in righe ordinate, finché non è coperto tutto.
Piegare delicatamente i bordi verso l’interno, premendo gli angoli per far aderire bene. Spazzolare le patate dolci generosamente con olio d’oliva e cospargere liberamente con sale. Versare lentamente la panna sopra e intorno alle patate dolci; aggiungere pepe e mettere in forno.
Cuocere la torta a 180° fino a che i bordi sono colorati, 40-50 minuti. Togliere dal forno, far scivolare con attenzione su un grande piatto di servizio e servire.

trancio torta

Potresti vedere anche
dal libro di Ottolenghi – Plenty: Pastinache e patate dolci al forno con vinagrette di capperi

Girellando per la Rete, uno dei siti che mi hanno sempre incuriosito, ma a cui non sono mai riuscita a Read more

Tart con fragole arrostite e timo

Credo che siano le ultime fragole della stagione, comprate per fare questa tart prima di non trovarle più. La ricetta Read more

Un pane che è una barretta energetica

Uno dei blog che seguo assiduamente è quello di Alanna Taylor Tobin in cui mi sono imbattuta per caso un Read more

Melanzane in cottura sottovuoto, quasi una parmigiana

Un tentativo di riprodurre una delle ricette di Danilo Angè, pubblicata sul suo libro Atmosfera zero, per la cottura sottovuoto. Read more

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci»