open sandiwich

Appuntamento fisso del 27, con Il Club. Questa volta parliamo di Open Sandwich. Con pane di segale.

Tre gli aspetti interessanti di queste preparazioni. La prima: ma chi l’ha detto che i panini devono avere per forza la doppia fetta di pane?

La seconda: la freschezza, la velocità, la novità, la creatività. In modo particolare in estate, quando stare in cucina diventa piu faticoso e mangiare non ti deve appesantire.

La terza: in particolare in questa preparazione l’aspetto antispreco/riciclo. Un modo di riciclare del pollo avanzato.

A pensarci c’è anche un quarto aspetto che mi interessa: l’utilizzo del pane di segale, che mi piace tantissimo. La ricetta del pane descritta sotto è poco impegnativa e di  sicuro risultato.

La genesi di questi Open Sandiwiches sono gli Smørrebrød. Se volete chiarirvi le idee, leggete qui il bignami dello Smörgåsbord, scritto su Mtchallege da Ilaria Talimani.

open sandwich

Ingredienti per il pane

Dosi per una pentola del diametro di 26-28 cm
275 g di farina di segale
125 g di farina di frumento 0
100 g di farina di frumento tenero integrale
310-325 ml di acqua
5 g di lievito birra fresco
10 g di sale

Procedimento per il pane

In una ciotola dovete semplicemente sciogliere il lievito nell’acqua unirlo alle farine e sale mescolando il tempo necessario per far assorbire tutta l’acqua dalla farina, quindi meno di un minuto, coprire e lasciare a temperatura ambiente per almeno 12 ore, ottimo sarebbe sino a 18 ore, e in caso di temperatura basse possiamo arrivare anche ad un max di 24 ore.

Passate le 18 ore fare tre/quattro giri di pieghe all’impasto. Mettete la massa con le pieghe sotto, in una ciotola rivestita con uno strofinaccio infarinato. Spolverate di farina anche la superficie e poi chiudete con i lembi dello strofinaccio. Lasciate lievitare, ci vorranno circa 2 ore 2,30, l’impasto deve raddoppiare.

Accendete il forno al max con dentro la pentola e coperchio. Infornate rovesciando il pane nella pentola bollente, non mettete nulla nella pentola niente farina. Chiudete con coperchio e infornate per 30 minuti, poi togliete il coperchio e continuate la cottura per altri 10 -15.

In ultimo tirate il pane fuori dalla pentola e mettetelo sulla griglia, abbassate la temperatura a 190°, ventilato con il forno a fessura in modo che si formi la crosta.

Ingredienti

  • 250 g di pollo già cotto
  • Scaglie di sale marino
  • Pepe nero macinato fresco
  • 200 g asparagi bianchi
  • 1 piccolo gambo di sedano, finemente tritato
  • 1 cucchiaio di foglie di dragoncello, finemente tritate
  • 2 cucchiai di capperi, dissalati
  • 4 cucchiai di maionese classica
  • 2 cucchiai di  yogurt naturale
  • 2 cucchiaini di succo di limone
  • 4 fette di pane di segale, tostate
  • Songino, per servire

Procedimento:

Soffriggete il pollo in poco olio per 4-5 minuti per ciascun lato (o fino a quando non risulti cotto), quindi salate e pepate e lasciatelo raffreddare.

Tagliate il terzo inferiore degli asparagi (teneteli per fare zuppe), sbucciateli aiutandovi con un pelapatate sotto la punta, quindi affettateli sottilmente.

Mescolate il pollo, gli asparagi, il sedano, il dragoncello e i capperi in una ciotola.

Aggiungetela maionese, lo yogurt e il succo di limone, quindi condite con sale e pepe e mescolate tutto insieme delicatamente. Assaggiate e regolate i livelli di succo di limone, sale e pepe.

 

Tanti altri Open Sandwich li potete trovare nella pagina del Club del 27 con il Banner di Mai Esteve

 

Altri suggerimenti

8 Responses to "Il mio open sandwich per il Club del 27"

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.